Articoli in evidenza

II Dose di Vaccini Pfizer e Moderna

Importanza  della seconda dose del vaccino per COVID Pfizer e Moderna

I nuovi vaccini per  prevenire la malattia da Coronavirus-19 (COVID-19) sono molto efficaci ma è stata avanzata l’ipotesi di ritardare la seconda dose per somministrare ad un più ampio numero di persone la prima dose.

La seconda dose è indispensabile e deve essere somministrata

Come funzionano i vaccini?

L’mRNA del virus viene riprodotto in laboratorio  e inoculato cosìche, raggiungendo le cellule del nuovo ospite, possa portare alla sintesi di pezzi di proteine: i peptidi. I peptidi lasciano la cellula dove sono stati sintetizzati ed a questo punto il sistema immunitario può iniziare a produrre anticorpi.

Perché somministrare due dosi?

Quando i vaccini sono stati testati sull’uomo per la prima volta, si  è osservata una reazione immunitaria debole dopo la prima dose ed una forte dopo la seconda.
In seguito, gli studi in pazienti sulla efficacia del vaccino sono sempre stati effettuati su persone che avevano ricevuto due dosi, dimostrando una eccellente capacità dei vaccini di proteggere dal COVID-19, mentre nessuno studio è stato effettuato riguardo l’efficacia di una sola dose.

Controversie sulla necessità di una seconda dose

La gravità della malattia e la sua rapida diffusione in tutto il mondo a fronte di una capacità tecnica ridotta di produrre vaccini ha portato a pensare di effettuare a più persone possibili la prima dose, ritardando la seconda, per consentire lo sviluppo rapido una certa forma di immunità.
In realtà essendo debole l’immunità generata dalla prima dose, questo potrebbe incrementare lo sviluppo di varianti virali resistenti al  vaccino, oltre a non sapere che protezione un’unica dose possa garantire. Tutto ciò è ancora oggetto di studio

Quando deve essere somministrata la seconda dose?

Si raccomanda di somministrare la seconda dose fra le 3 e le 4 settimane successive alla prima dose. In casi particolare anche con intervallo più lungo ma mai più precocemente. 

Le varianti del virus possono ridurre l’efficacia del vaccino?

Al momento le varianti del virus ne aumentano la contagiosità ma non si modifica la modalità di produrre la malattia. I vaccini oggi disponibili sono studiati per produrre anticorpi verso numerose componenti del virus e perciò sono efficaci comunque. Comunque, le industrie farmaceutiche stanno già studiando vaccini per le nuove varianti. 

Tratto da: Edward H. Livingston, MD,. JAMA, March 2, 2021 Volume 325, Number 9-898, Jama Patient Page

Stampa